Condizioni mediche e salute orale

Quando avrete il vostro primo controllo dentistico , vi verrà chiesto di compilare un modulo di anamnesi, personale e familiare ciò significa: eventuali operazioni, allergie, compresse o farmaci che state assumendo e che possono influenzare il trattamento dentale.
Si potrebbe pensare che alcune condizioni non sono abbastanza importanti da ricordare,ma molto spesso queste condizioni sono altrettanto fondamentali. Le informazioni aiuteranno il vostro dentista e il team odontoiatrico che lavora insieme a stilare trattamento sicuro e senza rischio.

RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO!

 

Sono le informazioni riservate?

Tutte le informazioni saranno riservate secondo la legge.

Cosa devo fare se sto assumendo altri medicinali?

Avrete bisogno di dire al vostro dentista se state assumendo qualsiasi medicinale, incluso qualsiasi inalatori, antibiotici o farmaci regolari, come tutte le parti che ti fanno male. E ‘anche importante ricordare di dire i farmaci o compresse, che vi ha prescritto il medico di famiglia .
Si dovrebbe anche dire se state assumendo la pillola contraccettiva , questo è nel caso in cui avete bisogno di un ciclo di antibiotici. La pillola può diminuire l’efficacia di anibiotici e sarà necessario prendere ulteriori misure contraccettive. Tutte queste informazioni sono necessarie per assicurarsi che nessun trattamento odontoiatrico, farmaci o materiali possa influire sulla vostra salute.

Cosa può accadere se ho problemi cardiaci?

Se avete bisogno di un trattamento odontoiatrico che potrebbe comportare emorragia, come l’estrazione di un dente o una scala di pulizia, il dentista può dare una dose di antibiotici un’ora prima dell’appuntamento. Per assicurarsi che non ci sia alcun rischio di infezione delle valvole cardiache, il dentista può anche scegliere di utilizzare un diverso tipo di anestetico locale (senza adrenalina).

Che cosa succede se ho un soffio al cuore o febbre reumatica?

Se si soffre di uno di questi potrebbe essere necessario prendere una dose di antibiotici un’ora prima dei alcuni trattamenti odontoiatrici per prevenire l’infezione.

Come mi può aiutare il mio dentista se ho l’asma?

Le persone che soffrono di asma dal momento della registrazione devono riferire la propria malattia . E’ importante prendere il vostro inalatore ad ogni appuntamento dal dentista e dire se si sente bene o senza fiato. I pazienti con asma grave possono non essere adatti per il trattamento in anestesia generale o sedazione, e quindi la soluzione più sicura sarebbe un’anestetico locale.

Cosa devo fare se sto assumendo warfarin?

E ‘importante informare il dentista prima del trattamento se sta assumendo warfarin, in particolare se è necessario disporre di un’estrazione di dente. È possibile che venga richiesto di effettuare esami del sangue di routine prima di iniziare il trattamento per assicurarsi che il sangue si coaguli abbastanza per fermare l’emorragia.
Il dentista può suggerire di interrompere il warfarin per 2 o 3 giorni prima del estrazione dentale. Tuttavia, per alcuni pazienti non è necessario modificare il farmaco e non dovrebbe esserci rischio di complicazione dopo l’estrazione.

Devo dire al mio dentista se sto assumendo farmaci anti-depressivi?

Sì. E’ importante informare il dentista se state assumendo uno di questi farmaci. L’anestetico locale può interferire con tricylic anti-depressivi e, pertanto, il dentista può raccomandare un marchio alternativo di anestetico.
Un effetto collaterale di alcuni farmaci anti-depressivi è secchezza delle bocca. Il flusso di saliva ridotta può aumentare il rischio di carie e malattie gengivali.

Che cosa succede se si ha l’emofilia?

L’emofilia è una malattia del sangue. Devo informare il dentista .
Se il sangue non coagula, può causare seri problemi durante il trattamento dentale. Se hai bisogno di estrarre un dente, il dentista dovrà riferire a un ospedale locale di essere assistiti da uno specialista in modo da garantire più sicurezza. Dopo che un dente è stato estratto, si deve creare coagulo che lo aiuterà a guarire.
Se si assumano i farmaci bisogna sempre informare il dentista.

La chemioterapia influisce sul trattamento odontoiatrico?

Prima di fare qualsiasi ciclo di chemioterapia bisogna finire prima tutti tratamenti odontoiatrici .
La radioterapia esterna o interna spesso può causare danni alle ghiandole salivari, portando ad una bocca sempre asciutta. A causa della mancanza di saliva, si corre più rischio di avere carie.
La chemioterapia può causare ulcere gengivali e i loro sanguinamento. Appuntamenti regolari con l’igienista dentale dovrebbero contribuire a tenere la situazione sotto controllo. L’igienista vi aiuterà a scegliere lo spazzolino giusto e un corretto uso per ottenere una buona salute orale.
Alcuni pazienti che hanno il tumore dopo la chemioterapia possono provare mal di gola, difficoltà nella deglutizione e, in alcuni casi la perdita parziale o totale del gusto.

Devo dire al mio dentista se ho allergie e di che cosa?

Sì. Come abbiamo già detto all’inizio, nella compilazione della vostra anamnesi vi verrà chiesto . Se si dispone di una allergia alla penicillina è molto importante informare il dentista nel caso in cui si ha bisogno di una prescrizione di antibiotici. In questo caso, ci sono diversi antibiotici alternativi che saranno più sicuri per voi.
Alcuni possono essere allergici ai guanti del dentista, che di solito sono in lattice. Materiali dentali e farmaci utilizzati nel trattamento di routine a volte possono produrre reazioni cutanee. Questo viene superato usando materiali alternativi.
Bisogna far notare prima precedenti reazioni per poter evitare il ripetersi nelle sedute successive.

Può interferire con la mia epilessia un trattamento odontoiatrico?

E ‘importante informare il dentista se si soffre di epilessia, questo è necessario per assicurarsi che se durante il trattamento capita un attacco, il team può avere i farmaci a portata di mano.
I pazienti epilettici hanno più probabilità di avere attacchi quando sono ansiosi. Se avete dubbi o disagi informate il dentista prima o durante il trattamento. Il team odontoiatrico troverà il modo più tranquillo per portare al termine lavoro.

Il diabete influisce sui miei denti e le gengive?

Le persone che soffrono di diabete possono avere una grave malattia gengivale se la loro condizione è incontrollata. Pertanto, è importante seguire una routine completa di igiene orale a casa e visitare il dentista almeno una volta l’anno. Si può anche notare che le guarigioni siano più lente dopo l’intervento chirurgico perciò si dovrebbe discuterne prima di avere qualsiasi trattamento.

Dovrò dire al mio dentista se sono incinta?

E ‘importante informare il dentista non appena si scopre di essere incinta. Se avete bisogno di cure odontoiatriche, potrebbe essere necessario attendere fino dopo la nascita del vostro bambino. Nella maggior parte dei casi i raggi X devono essere evitati, in particolare durante i primi tre mesi di gravidanza.
Alcune donne incinte hanno le gengive che sanguinano , per cui bisogna dare maggior attenzione alla pulizia e igiene orale.